Forum Tal

Programma di finanziamento 
(e relativo sottoprogramma)
MISE
Inizio 25 luglio 2002
Web Site www.forumtal.it

Con il termine TAL (Trattamento Automatico della Lingua) – in inglese HTL (Human Language Technologies) – vengono designante quelle discipline che si occupano di modelli, metodi, tecnologie, sistemi e applicazioni relativi all’elaborazione automatica della lingua, sia parlata sia scritta. Il TAL, dunque, comprende sia lo Speech Processing (SP), o elaborazione del parlato, sia il Natural Language Processing (NPL), o elaborazione del testo.

  • La prima area (SP) è volta a riprodurre la capacità umana di comunicare attraverso la parola e comprende: la codifica del segnale vocale, con l’obiettivo della riduzione della quantità di informazioni da trasmettere o memorizzare; la sintesi del testo, ovvero la realizzazione di sistemi in grado di leggere un testo qualsiasi; il riconoscimento del parlato, ovvero la realizzazione di macchine in grado di scrivere sotto dettatura; e, infine, il riconoscimento del parlante.
  • La seconda area (NLP) tende a riprodurre la capacità umana di comprendere il linguaggio e prevede, dal punto di vista dei componenti e dei metodi utilizzati: analizzatori sintattici e semantici basati su moduli algoritmici o statistici; modelli di rappresentazione della conoscenza, basati su dizionari o enciclopedie; metodologie di apprendimento automatico e tecniche di annotazione e classificazione quale punto di partenza per il reperimento dell’informazione. Dal punto di vista delle applicazioni, l’area NLP, oltre alla traduzione automatica, che riveste importanza particolare nell’Europa multilingue, comprende i temi della gestione del dialogo, della produzione di sommari, dei motori di ricerca in rete, della gestione della conoscenza.

In particolare, il TAL si pone l’obiettivo di utilizzare le tecnologie per l’interazione vocale uomo-computer e per la comprensione del linguaggio umano all’interno di servizi innovativi come la traduzione automatica e il reperimento delle informazioni.

I sistemi per il trattamento del segnale vocale hanno oggi molteplici applicazioni. Attraverso sistemi di sintesi vocale, una macchina può esprimersi in modo comprensibile, con un timbro e un’intonazione molto simili a quelli di una voce umana anche emotivamente caratterizzata. La tecnologia di riconoscimento della voce è alla base di molti servizi automatici, in quanto consente un uso intuitivo e una grande facilità di accesso per l’utente. Mediante sofisticati componenti linguistici, è possibile la traduzione automatica di un qualsiasi testo da una lingua all’altra, riducendo al minimo l’attività di revisione da parte dell’utente. Il riconoscimento del parlante, ossia la possibilità di riconoscere chi dice una frase, può essere utilizzato per autorizzare l’accesso ad un luogo o ad un servizio oppure per riconoscere un individuo in mezzo ad un gruppo attraverso una sofisticata analisi statistica delle sue caratteristiche acustiche.

Il TAL è un tema di ricerca di particolare interesse per la Fondazione Ugo Bordoni, che ha tra i suoi compiti quello di promuovere iniziative volte a valorizzare e diffondere la lingua italiana. In questa prospettiva, FUB aderisce in qualità di membro fondatore al Forum TAL.

Il Forum permanente sul Trattamento Automatico del Linguaggio (TAL) è stato istituito nel 2002 dall’allora Ministero delle Comunicazioni con lo scopo di promuovere nuove iniziative dirette all’impiego di questa tecnologia, con particolare riguardo alle applicazioni nella Pubblica Amministrazione.

Il Forum TAL, che riunisce i rappresentanti di tutti i domini culturali e produttivi italiani attivi in questo ambito, ha fra i propri obiettivi

  • lo studio dell’evoluzione del TAL, con particolare attenzione allo sviluppo di iniziative in ambito europeo;
  • la proposta di iniziative dirette all’ampliamento del mercato e allo sviluppo delle competitività dell’industria nazionale del settore;
  • lo sviluppo di strumenti linguistici altamente innovativi;
  • la promozione di investimenti pubblici e privati nel settore, anche per la salvaguardia della lingua italiana e la sua diffusione nel mondo.

Le attività del TAL si esplicano con la pubblicazione di monografie sul tema, con la partecipazione ad eventi scientifici e con l’organizzazione di conferenze periodiche che riuniscono i maggiori esperti del settore, a livello nazionale e internazionale.