Pandora
Advanced Training Environment for Crisis Scenarios

Programma di finanziamento
(e relativo sottoprogramma)
VII Programma Quadro della Commissione Europea.
Programma “Security”
 
Durata 1 gennaio 2010 – 31 marzo 2012
Partecipanti

UoG, University of Greenwich, UK
(Coordinamento)
UEL, University of East London, UK
EPC, Emergency Planning College, UK
ORT, Education Formation, France
FBC, Business Flow Consulting, France
Xlab Research, Slovenija
FUB, Fondazione Ugo Bordoni, Italy
(Leader di sotto-progetto)
CEFRIEL, Italy
CNR-ISTC, Italy
 

Web Site www.pandoraproject.eu

Pandora è un progetto di ricerca europeo che si colloca nell’area congiunta ICT e Sicurezza, per l’obiettivo strategico denominato “Security System Integration, Interconnectivity And Interoperability: Modeling And Simulation For Training”.

FUB partecipa attivamente al Management di Progetto (WP9).

PANDORA mira a creare un ambiente di addestramento avanzato per i manager delle crisi che operano in situazioni caotiche, con alto livello di stress e coinvolgimento emotivo.

Con gestione delle crisi (Crisis Management) s’intende un approccio sistematico adottato nelle situazioni di emergenza per l’elaborazione di strategie di prevenzione, di interventi rapidi ed efficaci atti a inibire una possibile evoluzione catastrofica degli eventi.

A differenza di altri sistemi di addestramento, funzionanti a livello operativo o tattico, PANDORA si colloca a un livello decisionale strategico. L’ambiente PANDORA propone un sistema misto che unisce il realismo di una simulazione nel mondo reale con la praticità di un’esercitazione a tavolino. A tal fine, nella progettazione dei vari moduli, è stato adottato l’approccio UCD (User Centred Design), che ha richiesto il coinvolgimento diretto del partner EPC (Emergency Planning College), il maggior referente UK in materia di addestramento alla gestione delle crisi negli scenari di emergenza.

Ciascuna sessione di addestramento è preceduta da una seduta preliminare di rilevazione delle caratteristiche personali e del profilo di competenze, allo scopo di aggiornare un modulo di sistema (Pandora Kernel) con il profilo di competenze, attitudini e stili di comportamento (Behavioral Model) degli allievi. Sulla base di queste acquisizioni, il sistema è successivamente in grado di orientare l’addestramento su percorsi personalizzati (Behavioral Planner).

Il processo di addestramento vero e proprio (Crisis Planner) utilizza sia le informazioni individuali reperite dal profilo degli allievi, sia la base di conoscenza con la quale si rappresenta lo scenario di crisi operativo (Crisis Knowledge). Alla pianificazione dell’addestramento partecipa in parallelo un altro importantissimo modulo (Emotion and Environment Synthesizer) al quale viene affidata la delicata funzione di induzione del livello di stress. Un ultimo modulo (Trainer Support Framework) permette all’addestratore di monitorare l’evoluzione temporale della sessione e di disciplinare in tempo reale le attività didattiche del gruppo e dei singoli.

L’ambiente di addestramento ripropone in chiave ICT i parametri fisici ambientali e simula in tempo reale tutti gli elementi dinamici che caratterizzano l’intero scenario di un disastro. I manager delle crisi si esercitano a reagire coordinando il proprio intervento con le altre autorità competenti coinvolte nella gestione, allo scopo ultimo di limitare, per quanto possibile, gli effetti dannosi sulle persone, sulle infrastrutture e sul territorio, e consentire un veloce recupero della condizione iniziale di sicurezza.

Il sistema supporta anche il monitoraggio, la registrazione e il feedback per l’analisi post-hoc sulle prestazioni degli allievi partecipanti.