Safetrip
Satellite Application For Emergency handling, Traffic alerts, Road safety and Incident Prevention

 Logo Safe TRIP

Programma di finanziamento 
(e relativo sottoprogramma)
VII Programma Quadro della Commissione Europea
Programma “Integrated safety and security for surface transport systems”
Durata 1 ottobre 2009 - 31 marzo 2013
Partecipanti Sanef
Eutelsat
Indra
Fraunhofer IIS
PIAP
UCL
Abertis Autopistas
Acesa
Budapest University of Technology and Economics
DLR
Fondazione Ugo Bordoni
Inter Mutuelles Assistance
MAIF
MACIF
MBI
Quantum
Masternaut
Albertis Telecom
Eurolines
Algoé
Web Site www.safetrip.eu

I temi della mobilità dei cittadini europei e della sicurezza stradale sono al centro del programma “SST.2008.4.1.3 - Integral system solutions for safety” della Commissione Europea.

Il progetto SAFETRIP (Application For Emergency handling, Traffic alerts, Road safety and Incident Prevention) ha l’obiettivo di realizzare un sistema integrato per i servizi di infomobilità e sicurezza stradale, attraverso la raccolta di informazioni trasmesse dai veicoli su strada. L’obiettivo è di rendere più efficiente l’uso delle infrastrutture di trasporto stradale e la catena di segnalazione (informazione / prevenzione / intervento) in caso di incidenti.

SAFETRIP impiega una nuova tecnologia satellitare operante in banda S (intorno ai 2GHz) e supportata dal satellite W2A, che è stato lanciato nel mese di aprile 2009. Grazie a questa tecnologia, è possibile realizzare un servizio di connettività bidirezionale a bordo dei veicoli, continuativo e interattivo, che sia anche interoperabile con i sistemi Galileo e UMTS.

La nuova tecnologia garantisce:

  • la copertura globale del servizio sul continente europeo;
  • la trasmissione dei dati in formato multicast, di rapida e facile implementazione;
  • l’eco-compatibilità dovuta alla caratteristica del satellite di alimentarsi attraverso pannelli solari.

La piattaforma “open” messa a disposizione dal progetto offre a società terze la possibilità di sviluppare applicazioni per il mercato del trasporto stradale. Infatti, i tre servizi di comunicazione sperimentati in SafeTRIP (broadcast, messaggistica, bi-direzionale), associati alle funzionalità di posizionamento e autenticazione, autorizzazione e accounting (AAA), risultano idonee a fornire soluzioni in molti settori, da quello Pubblico a quello della gestione di flotte di veicoli, fino a quello dell’intrattenimento.

Il terminale da istallare a bordo del veicolo, la On Board Unit (OBU), sarà in grado di fornire servizi personalizzati, quali: chiamate di emergenza, avvisi sul traffico, allarme incidenti, monitoraggio del comportamento del conducente (ad esempio, eccesso di velocità), monitoraggio della funzionalità dei veicoli, rintracciabilità del veicolo, ecc.

Con sempre più veicoli dotati di OBU, permanentemente connesse ai centri servizio tanto da rappresentare nodi mobili di rete, capaci di operare anche con le reti 3G/4G “tradizionali” per servizi connection-based, la piattaforma SafeTRIP mette a disposizione un canale di ritorno in banda S, a basso costo e message-based, aprendo la strada alla potenziale diffusione di un ampio spettro di servizi in cui i veicoli possono realmente rappresentare un’inestimabile fonte di informazione per società di gestione della rete di trasporto, assicurazioni, autorità (protezione civile e servizi di vigilanza).

FUB contribuisce alla definizione dell’architettura della parte di sistema dedicata al supporto del canale interattivo terrestre per la comunicazione tra utente e centro servizi, nonché alla fase di valutazione delle prestazioni complessive del sistema basata sulla realizzazione di field-trials realizzati in condizioni operative reali e con utenti reali. In particolare, in aggiunta alla predisposizione del materiale di supporto alla fase di valutazione (questionari, interviste, ecc.) impiegato nei trials, FUB ha partecipato attivamente alla valutazione dei trials condotti in Spagna.

FUB, inoltre, offre il necessario supporto tecnico-scientifico alla progettazione di una soluzione integrata, basata sull’impiego di tecnologie radio terrestri (UMTS, WiMAX, WiFi, ecc.) e satellitari in banda S, anche con la possibilità di definire alcune parti del terminale che si intende realizzare, personalizzandolo in base alle esigenze dell’utenza.

Nel corso del 2013, la Fondazione ha svolto le seguenti attività:

  • revisione del materiale da utilizzare nella fase di valutazione dei field-trials (questionari, interviste, ecc.);
  • supervisione e realizzazione della valutazione dei field-trials condotti a Barcellona;
  • analisi dei dati raccolti nei field-trials;
  • contribuzione al deliverable D7.1.2 “ Trial Results – User Assessment”.