Salta al contenuto principale
 
Progetto
Speaky Acutattile
Concluso
Committenza
Ministero dello sviluppo economico (INDUSTRIA2015)
Partner
Università di Roma “Sapienza”
Università degli Studi di Palermo
CNR-ISTC
CSP
Cultorale
GESI
GRAFIDATA
KIR
Konvergence
Loquendo
Mediavoice
Netlearn
Obiettivi

Dimostrare come alcuni servizi per il controllo locale e/o remoto (ad esempio di domotica, di prenotazione, di consultazione dati, ecc.) possano essere resi attraverso il solo dialogo vocale e interagendo in linguaggio naturale.

Impatto

Facilitare l’accesso e l'uso è un fattore determinante di successo per tutti i processi digitali. Questo fattore diviene necessario per  classi di utenti che non possono interagire attraverso le modalità più comuni come quelle grafiche e testuali. Una interazione vocale ed in linguaggio naturale, così come proposta da SPEAKY, non solo rende accessibili un ampio numero di servizi a classi di utenti che altrimenti non potrebbero usufruirne, ma ne facilita l’uso anche a tutti gli altri utenti.

Descrizione

Il Progetto SPEAKY si propone di abbattere il digital divide facilitando l'accesso a servizi e applicazioni per specifiche classi di utenti come anziani e disabili, e in particolare non vedenti e disabili motori. Tutto questo sostituendo le interfacce grafiche e testuali con quelle vocali, e quindi con il dialogo cooperativo tra l'utente ed il sistema.

Obiettivo del Progetto è realizzare un prototipo relativo ad una piattaforma abilitante volta a permettere nuove modalità di accesso, sia dall’interno della casa/ufficio sia in mobilità, ad una serie di servizi quali quelli di domotica, di media center, di assistenza. La piattaforma è composta da diversi moduli, hardware e software, e l’architettura della piattaforma è di tipo client/server.

Lato client: vi è un box “PC like” dotato di un Avatar con la più avanzata tecnologia di riconoscimento e sintesi vocale, accessibile a voce attraverso uno speciale e innovativo dispositivo wireless multifunzione, cuore della nuova piattaforma, che funge da telecomando/telefono ma soprattutto è un nuovo dispositivo di input/output “mouse like”, che facilita l’interazione a tutti, in particolare a ipovedenti e non vedenti.

Lato server: sono rese disponibili delle API attraverso le quali i fornitori di servizio possono accedere per utilizzare le funzionalità offerte dalla piattaforma.

La FUB è responsabile dell’interfaccia vocale del sistema VUI (Voice User Interface) e della valutazione del sistema.

Sulla piattaforma SPEAKY si è realizzato un modulo di dialogo che consente all’utente di svolgere, con la propria voce, alcuni compiti comuni come controllare l’ambiente domestico, compresi i sistemi multimediali, prenotare un viaggio in aereo, e così via.

Diversamente dai sistemi oggi in commercio e utilizzati in semplici servizi, una prerogativa della piattaforma realizzata è che questa è in grado di capire e rispondere direttamente alle domande dell’utente usando frasi in linguaggio naturale, e non semplici parole o comandi.

Competenze