Salta al contenuto principale

Attività per la PA

Immagine Pubblica Amministrazione

La Pubblica Amministrazione è il soggetto principale per cui la Fondazione Ugo Bordoni svolge la propria attività.

 

Storicamente alla Fondazione è stato riconosciuto dallo Stato un ruolo strategico nel campo delle ICT, in particolare per quanto attiene alle politiche delle telecomunicazioni e la gestione dello spettro da parte del Ministero dello sviluppo economico (Mise) e dell’Agenzia per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom). Negli ultimi due anni questo ruolo si è ulteriormente rafforzato, con l’individuazione della FUB come soggetto a supporto del Mise per la diffusione della tecnologia 5G, con particolare riferimento al monitoraggio delle sperimentazioni 5G, al supporto del processo di liberazione della banda 700 MHz e concessione delle frequenze per il 5G, alla ricerca e sperimentazione su applicazioni per il 5G.

 

La digitalizzazione è un fenomeno travolgente che sta rivoluzionando ogni ambito dell’attività della PA. La diffusione dei servizi innovativi, come lo sviluppo di altri, ancora più avanzati, è subordinata alla disponibilità e all’utilizzo di reti e tecnologie performanti. In particolare, tecnologie come il 5G, l’IoT, la Blockchain e l’Intelligenza Artificiale, incideranno pesantemente nelle politiche di sviluppo in tutti i settori. Questo comporta la necessità di adottare politiche intersettoriali in cui la Fondazione potrà svolgere il ruolo strategico di cerniera fra le aree di competenza del Mise e quelle degli altri soggetti che saranno coinvolti dalle nuove tecnologie.

 

Ampliare il proprio raggio di azione verso altre Pubbliche Amministrazioni, diverse dal Ministero dello sviluppo economico, risponde quindi innanzitutto a una necessità imposta dall’evoluzione dell’ICT e rappresenta per la Fondazione non solo una piena applicazione del ruolo individuato dalla Legge ma anche la possibilità di diversificare le fonti di finanziamento e di garantire l’equilibrio finanziario dell’ente.

 

Ad oggi, la Fondazione Bordoni collabora attivamente con le seguenti PA:

 

  1. Ministero dello sviluppo economico (Mise) ed in particolare ha convenzione attive con: 

    1. Direzione generale per la pianificazione e la gestione dello spettro radioelettrico (Dgpgsr)

    2. Direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica, di radiodiffusione e postali (Dgscerp)

    3. Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l’efficienza energetica, il nucleare (Dgmereen)

    4. Istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione (Iscom)

    5. Direzione generale per la lotta alla contraffazione - Ufficio italiano brevetti e marchi (Uibm)

  2. Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (Mit) - Direzione generale per i sistemi informativi e statistici (Dgsis)

  3. Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom)

  4. Agenzia per l’Italia digitale (AgID)

  5. Autorità nazionale anticorruzione (Anac)

  6. Agenzia regionale per la protezione ambientale dell’Emilia - Romagna (Arpa-ER)

Progetti

Ministero dello sviluppo economico


Il Progetto prevede il supporto al Ministero dello sviluppo economico in attività utili alla diffusione del 5G, attraverso la realizzazione di sperimentazioni e laboratori specifici e all'efficiente gestione dello spettro (comma 1041 della legge 205/2017).

Ministero dello sviluppo economico


Monitoraggio e verifica dei progetti aggiudicati nell’ambito di sperimentazioni pre-commerciali nella disponibilità di spettro radio 3.6 - 3.8 GHz. Avviso pubblico del 16 marzo 2017 (Determina Direttoriale Prot. n 18436).

AgID


Il Progetto intende fornire supporto ad AgID per assistere i soggetti aderenti a pagoPA nelle fasi di attivazione, messa in esercizio e nella trattazione di anomalie pagamento. È previsto inoltre di partecipare all’analisi di nuove funzionalità per sviluppi futuri.

Convenzione tra FUB e Operatori


Questo Progetto rappresenta la prosecuzione dei progetti Refarming I e Refarming II per la verifica della qualità degli utenti e delle reti M2M che utilizzano apparati solo GSM e per l’analisi sull’uso attuale delle tecnologie 2G, 3G e 4G nelle bande 900 e 1800 MHz.

Ministero dello sviluppo economico


La Fondazione Ugo Bordoni, su incarico della Dglc-Uibm, studia e realizza innovativi strumenti di identificazione di siti contraffattori sul web attraverso l’utilizzo di metodologie di apprendimento automatico.

Ministero dello sviluppo economico


Il Progetto prevede attività di supporto al Ministero per lo sviluppo economico (Dgscerp) per la liberazione della banda 700 MHz e riallocazione al 5G e per lo sviluppo di reti, servizi e applicazioni 5G in Italia (comma 1039 della legge 205/2017).

Ministero dello sviluppo economico


Il Progetto, prosecuzione del Progetto Uibm-ATA, riguarda la realizzazione e la gestione di un sistema informatico per la sottomissione delle specifiche tecnologie dei prodotti anticontraffazione offerti sul mercato e di un sito-vetrina di orientamento con la presentazione delle tecnologie.

La Fondazione Ugo Bordoni è fortemente impegnata in settori caratterizzati da un elevato potenziale di innovazione tecnologica e di crescita. Il suo contributo allo sviluppo dell’ICT è trasversale e finalizzato ai seguenti obiettivi:

  1. rimozione di ostacoli all’innovazione (digital divide, assenza di standard, difetti o eccessi di regolamentazione)

  2. digitalizzazione delle PP.AA. e delle P.M.I.

  3. alfabetizzazione digitale

  4. innovazione dei servizi top-down

 

Protagonista come advisor tecnico nei processi che stanno ridisegnando l’ambiente digitale italiano con riferimento al contesto europeo, la Fondazione si è ormai accreditata quale interlocutore competente privilegiato di Istituzioni e imprese, in ragione delle sue caratteristiche di alta competenza scientifica, terzietà e indipendenza.

 

In aggiunta alle riconosciute competenze relative alla gestione dello spettro e all’evoluzione delle reti di nuova generazione, la particolare attenzione posta dalla Fondazione su temi quali smart cities, big data, cloud computing, efficienza e sicurezza delle reti ha consentito di proporre e fornire soluzioni efficaci anche in ambiti emergenti (ad esempio il settore energetico).

 

 

La Fondazione opera prevalentemente mediante progetti aggiudicati su base competitiva o derivanti da specifiche commesse di organismi pubblici, consorzi o aziende private e finanziati mediante convenzioni ad hoc. In alcuni casi, i progetti afferiscono a programmi internazionali di ricerca (programmi quadro) dell’Unione europea o a iniziative nazionali e regionali.

 

L’attività condotta all’interno dei progetti è resa possibile dall'intenso lavoro di ricerca non finalizzata che consente alla Fondazione di accrescere nel tempo le proprie competenze tecnico-scientifiche.