Salta al contenuto principale
 

Tracciare i contagiati tutelando la privacy è possibile. Grazie al bluetooth

Le app per tracciare i contagiati da coronavirus possono funzionare senza usare dati sensibili, nel rispetto delle norme privacy invocate dal Garante Privacy italiano e dal Consiglio d'Europa. Lo dimostrano alcuni progetti già realizzabili, presentati al Ministero dell'innovazione, che in questi giorni deve scegliere quello da attuare in Italia.