Salta al contenuto principale
 
Progetto
PARSIFAL
ProcedurA RilaScIo FrequenzA tv Locali
Concluso
Committenza
Ministero dello sviluppo economico
Obiettivi

Gli obiettivi del Progetto prevedevano che la Fondazione fornisse al Ministero tutti gli strumenti tecnici e operativi necessari per la realizzazione della procedura di volontario rilascio delle frequenze da parte dell’emittenza locale.

Impatto

La realizzazione degli obiettivi di Progetto ha avuto un notevole rilievo a livello europeo poiché ha permesso la soluzione dei problemi derivanti dalle interferenze radioelettriche provocate, nei confronti dei paesi confinanti, dagli operatori televisivi italiani operanti in ambito locale. La definitiva soluzione di tali problematiche, denunciate fin dall’avvio del processo di transizione alla televisione digitale terrestre, ha comportato un importante e riconosciuto guadagno d’immagine per il Paese.

Descrizione

Per la realizzazione degli obiettivi previsti dal Decreto MiSE MEF del 17 aprile 2015, la Fondazione, su formale incarico del MiSE-DGSCERP, ha articolato il Progetto PARSIFAL nelle seguenti attività:

  1. supporto al Ministero nella fase di quantificazione economica del valore delle frequenze per ciascuna delle 12 regioni coinvolte nella procedura di volontario rilascio;
  2. supporto al Ministero nella fase di verifica e ricognizione dei diritti d’uso attribuiti a livello regionale agli operatori di rete operanti in ambito locale;
  3. progettazione e realizzazione della procedura informatica, del relativo database e dell’interfaccia web per la presentazione online delle domande di partecipazione ai bandi di gara;
  4. studio e implementazione di opportuni algoritmi di calcolo necessari alla corretta applicazione del dettato del DM 17 aprile 2015 e conseguente predisposizione delle graduatorie regionali di assegnazione delle frequenze finalizzate alla definizione dei nuovi titolari di diritto d’uso;
  5. gestione informatica delle domande di partecipazione e attività di Help Desk nei confronti dell’utenza;
  6. analisi dei cluster per la predisposizione dei Masterplan regionali contenenti il calendario degli spegnimenti e/o delle transizioni su nuova frequenza degli impianti di trasmissione coinvolti;
  7. quantificazione del ristoro economico ai soggetti aventi diritto sia nel caso di erogazione delle misure economiche compensative previste per il rilascio volontario delle frequenze, sia nel caso di indennizzo dovuto per esproprio forzato della frequenza;
  8. gestione, manutenzione e aggiornamento del Registro Nazionale delle Frequenze alla luce delle dismissioni e/o delle nuove assegnazioni frequenziali;
  9. gestione e monitoraggio delle operazioni di spegnimento e/o transizione su nuova frequenza da parte dei soggetti interessati, anche mediante pubblicazione su web (con sito ad accesso riservato) dell’esito delle stesse;
  10. gestione dei rapporti con gli Ispettorati in caso di necessità di intervento sul territorio.
Competenze