Daniela D'Aloisi

 

Laureata in Ingegneria Elettronica, dopo alcune collaborazioni in aziende private, nel 1985 inizia a lavorare presso la Fondazione Ugo Bordoni occupandosi di tematiche di Intelligenza Artificiale, in particolare rappresentazione della conoscenza, interazione uomo-macchina, agenti autonomi intelligenti e intelligenza artificiale distribuita. Si è occupata anche di problematiche di scheduling e planning. Nel 1990 ha lavorato presso il Robotics Institute della Carnegie Mellon University (Pittsburgh, PA), partecipando fino al 1992 ha partecipato al progetto HST (Hubble Space Telescope) della NASA.
Dal 2001 al 2004 si è occupata di problematiche di accessibilità ed e-learning. Nel 2003 è stata designata dal Ministero delle Comunicazioni nella segreteria tecnica della "Commissione interministeriale permanente per l'impiego delle tecnologie dell'informazione a favore delle categorie deboli e svantaggiate".
Dal 2002 al 2006 si è occupata di servizi e applicazioni per le piattaforme digitali anche nell'ambito dell'Associazione Ambiente Digitale di cui è Vice Presidente Vicario. Nel 2006 è stata designata quale rappresentante FUB nel gruppo tecnico Contenuti del Comitato Italia Digitale istituito presso il Ministero delle Comunicazioni.
Attualmente si occupa di algoritmi di gestione e controllo per reti wireless. È responsabile dei progetti WebCampus e Accessibilità e fa parte dello Staff del Direttore delle Ricerche con l'incarico di Responsabile dell'acquisizione dei progetti nazionali.
Dal 1996 è anche Professore Incaricato presso la facoltà d'Ingegneria delle Telecomunicazioni presso l'Università di Roma La Sapienza.
È autore di numerosi lavori scientifici pubblicati su riviste internazionali, nazionali e convegni.