Gaetano Bruno

 

Nato a Roma nel 1960, dal 1987 al 2000 è stato ricercatore presso la Fondazione Ugo Bordoni dove si è occupato di: linguaggi di specifica per servizi di telecomunicazioni, in ambito ISO e ITU (1987-89); architetture per servizi di telecomunicazioni, nei progetti europei ROSA, ROSA 2 e Cassiopeia (1989-94) del programma RACE, Dolmen (1995-99) del programma ACTS e Starlite (2000) del programma IST, precursori degli attuali sviluppi Next Generation Network e quadruple play. Dal 2000 al 2002 è stato responsabile dell’infrastruttura tecnica del laboratorio romano di Ricerca e Sviluppo della società Gemplus. Nel 2003 è rientrato in Fondazione, lavorando sul tema televisione digitale terrestre, per il quale, in particolare, si è occupato di: gestione di contributi pubblici alle emittenti; organizzazione di eventi in numerose edizioni di SatExpo, Smau, ForumPA e dell’area “Parco del Futuro” alla Conferenza Interministeriale di Cernobbio sul digitale terrestre; monitoraggio di sei progetti cofinanziati da FUB per lo sviluppo e la sperimentazione sul campo di servizi di T-government.