La Fondazione Ugo Bordoni è un’Istituzione di Alta Cultura e Ricerca soggetta alla vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico riconosciuta dalla legge 3/2003.

La legge 69/2009 ne ha definito l’identità di organismo di diritto pubblico, riconosciuta di recente anche da un parere dell’Avvocatura dello Stato. Il nuovo Statuto ribadisce il carattere di terzietà e indipendenza della Fondazione, attribuendole una governance pubblica che le consente di esercitare una funzione di supporto e consulenza in favore delle amministrazioni pubbliche e delle autorità indipendenti.

FUB è pertanto in grado di coniugare attività di ricerca nel settore ICT e servizi di interesse pubblico, con ricadute nell’ambito della tutela del cittadino.

Nata nel 1952 in seno al Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni, la Fondazione vanta una consolidata tradizione di ricerca e studi applicativi nel settore delle telecomunicazioni che nel tempo si è andata caratterizzando per l’impegno a favorire un proficuo scambio tra ricerca pura e ricerca applicata.

La Fondazione punta a individuare soluzioni innovative per la comunicazione in banda larga e le reti di nuova generazione alla luce delle nuove sfide imposte dalla convergenza tecnologica. Forte delle competenze acquisite nelle reti di comunicazione, FUB ha inoltre ampliato il proprio orizzonte di azione all’ICT.
 
Gli scenari futuri permettono inoltre di ipotizzare un impegno concreto nell’ottimizzazione dei sistemi di infrastruttura in settori cruciali come quello energetico.
 
Tra le convenzioni stipulate recentemente si segnalano quelle con il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e con l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM); quelle con il Ministero della Giustizia, il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, il Ministero dell’ambiente, la Protezione Civile, il CNR, nonché quelle con le imprese a rete (ENI, ENEL, TERNA, Poste Italiane) e con le maggiori Università Italiane. Molti sono, inoltre, i partner europei con cui la Fondazione collabora nell’ambito di iniziative promosse dall’UE.
 
L’impegno nella formazione, nella divulgazione e nella promozione del dibattito pubblico sulle tematiche dell’innovazione tecnologica e dello sviluppo industriale del Paese completano la mission della Fondazione.
 
Ugo Bordoni
Ugo Bordoni nacque a Roma nel 1884.

A 22 anni si laureò in Ingegneria presso l’Università di Roma e nel 1923 fu chiamato alla cattedra di Fisica Tecnica. Si dedicò allo studio della Termotecnica, della Termodinamica e dell'Acustica.

All'inizio degli anni ‘30 si dedicò allo sviluppo del Settore Telefonico. All’atto della costituzione della STET fu nominato Presidente e conservò tale carica fino alla morte, nel 1952.

Il Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni intitolò a suo nome la nascente Fondazione per la ricerca scientifica nel campo delle Telecomunicazioni, eretta in Ente Morale nel 1952.