Chi siamo

La Fondazione

Profilo

La Fondazione Ugo Bordoni è un’istituzione di alta cultura e ricerca che coniuga l’attività di studio nell’ICT con la progettazione e la realizzazione di servizi innovativi per la Pubblica Amministrazione e con l’individuazione di politiche per il sistema Paese nel proprio campo.

Nata nel 1952 in seno al Ministero delle poste e delle telecomunicazioni, la Fondazione vanta una consolidata tradizione di ricerca e studi applicativi nel settore delle telecomunicazioni, con un proficuo scambio tra ricerca pura e ricerca applicata, in modo da presidiare nel tempo e con largo anticipo gli sviluppi dello scenario tecnologico ICT, sempre più centrale e pervasivo in un numero crescente di settori economici e amministrativi.

Riconosciuta dalla legge 3/2003, la FUB adotta un modello di governance pubblica riconosciuto dalla legge 69/2009, che ne garantisce il carattere di terzietà e di indipendenza.

 

In house della Pubblica Amministrazione

Lo Statuto del 2019 istituisce il “Comitato delle Pubbliche Amministrazioni”, che garantisce a tutte le Amministrazioni – centrali e locali – che ne facciano parte di esercitare sulla FUB un controllo analogo ai sensi dell’art. 5 del d.lgs. 50/2016, consentendo dunque affidamenti a favore della Fondazione mediante in house providing.

In qualità di organo in house trasversale a tutta la Pubblica Amministrazione, la Fondazione rappresenta un unicum del panorama italiano dell’ICT.

Logo FUB

Storia

Nata nel 1952 all’interno del Ministero delle poste e delle telecomunicazioni, come Ente Morale (D.P.R. 2472/1952), FUB inizialmente svolge ricerca tecnico-scientifica nei settori delle TLC, dell’elettronica, dell’informatica e nel settore postale. Coniugando la terzietà della missione pubblica con la gestione privata e offrendo una formazione all’avanguardia agli ingegneri nel campo delle telecomunicazioni, si impone per la ricerca di frontiera nell’ambito della trasmissione e dell’elaborazione del segnale. Nel 1968, con la nuova sede di Bologna, FUB avvia un’attività congiunta di ricerca applicata volta alle industrie manifatturiere e di gestione e degli enti normativi.

 

Dal 2000 FUB affianca all’attività di ricerca la consulenza e il supporto in ambito TLC nei confronti della PA e delle Autorità Indipendenti con un ruolo di soggetto terzo, rendendosi protagonista di importanti processi d’innovazione tecnologica, tra cui l’evoluzione delle reti mobili (3G, 4G-LTE, 5G) e la transizione alla TV digitale terrestre.

 

Le attuali competenze della FUB attingono a 40 anni di attività di ricerca con una modalità “curiosity-driven” e libera da condizionamenti economici. FUB ha mantenuto la sua natura di ente non a scopo di lucro e, con l’introduzione di una governance di nomina pubblica, ha acquisito le caratteristiche di organismo di diritto pubblico.

Ugo Bordoni

Ugo Bordoni nasce a Roma nel 1884.
A 22 anni si laurea in Ingegneria presso l’Università di Roma e nel 1923 è chiamato alla cattedra di Fisica Tecnica. Si dedica allo studio della termotecnica, della termodinamica e dell’acustica.

 

All’inizio degli anni ‘30 si dedica allo sviluppo del settore telefonico. All’atto della costituzione della STET viene nominato Presidente e conserva tale carica fino alla sua morte, nel 1952.

 

Il Ministero delle poste e delle telecomunicazioni intitola in suo onore la nascente Fondazione per la ricerca scientifica nel campo delle Telecomunicazioni, eretta in Ente Morale nel 1952 (D.P.R. 2472/1952).

Leggi tutto

Missione

La Fondazione Ugo Bordoni fornisce alle PA e alle Autorità indipendenti gli strumenti tecnologici e il know-how tecnico-scientifico al fine di promuovere il progresso e l’innovazione tecnologica e di favorire la diffusione della cultura digitale.

 

La Fondazione svolge la propria attività come soggetto terzo e indipendente, con l’obiettivo di valorizzare i benefici dell’innovazione per lo sviluppo e la modernizzazione del Paese, per la tutela e il rafforzamento del cittadino e per il consolidamento delle istituzioni democratiche.

 

La Fondazione è chiamata a realizzare progetti innovativi di interesse del governo, della Pubblica Amministrazione, delle comunità scientifiche e dei cittadini.

In linea con i propri fini statutari, la Fondazione persegue dunque i seguenti obiettivi:

  1. promuovere l’innovazione tecnologica per lo sviluppo e la modernizzazione del paese;

 

  • trasferire il know-how per la digitalizzazione delle PA;

 

  • fornire supporto scientifico e tecnologico alle istituzioni e al mondo delle imprese;

 

  • presidiare gli ambiti innovativi di ricerca, ponendosi come punto di riferimento nel panorama scientifico e tecnologico internazionale;

 

  • implementare servizi pubblici per il cittadino che richiedono competenze scientifiche e tecnologiche particolarmente avanzate;

 

  • rappresentare un punto di raccordo tra istituzioni, mondo scientifico e sistema industriale.

Leggi tutto

Organizzazione

La Fondazione Ugo Bordoni è composta da cinque organi: Comitato delle Pubbliche Amministrazioni, Consiglio di Amministrazione, Presidente, Collegio dei revisori, Comitato Scientifico. È possibile consultare lo Statuto FUB per conoscere i dettagli sulla loro composizione, durata, funzioni svolte e poteri attributi.

 
Il Comitato delle Pubbliche Amministrazioni è composto da rappresentanti delle Pubbliche Amministrazioni, centrali e locali, che si avvalgono delle competenze della Fondazione mediante in house providing.
 
Il Consiglio di Amministrazione elegge il Presidente al proprio interno ed è costituito da tre consiglieri:
 

  • uno nominato dal Presidente del Consiglio dei Ministri in rappresentanza delle altre amministrazioni pubbliche, sentito il Comitato delle Pubbliche Amministrazioni;
  • uno nominato dal Ministro dello sviluppo economico;
  • uno nominato dal Ministro dello sviluppo economico, sentito il Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Comitato delle Pubbliche Amministrazioni

Data di insediamento: 10 agosto 2021
  • Coordinatore
    Prof. Antonio Manganelli
  • Consigliere
    Dott.ssa Sabrina Bono
  • Consigliere
    Avv. Mario Antonio Scino

Consiglio di Amministrazione

Data di insediamento: 8 settembre 2021
  • Antonio Sassano
    Giovanna Bianchi Clerici
    Maurizio Mensi

Collegio dei revisori

Data di insediamento: 5 ottobre 2021
  • Presidente
    Federico Testa
  • Revisori
    Andrea Galli
    Marco Luigi Valente

Comitato scientifico

Designato il 20 aprile 2018
  • Presidente
    Prof. Maurizio Dècina

    Professore Emerito Politecnico di Milano

  • Membri
    Prof. Francesco Cardarelli

    Studio Lattanzi Cardarelli Avvocati

    Prof.ssa Giovanna De Minico

    Dipartimento Diritto Costituzionale – Università degli Studi di Napoli Federico II

    Prof. Tommaso Di Noia

    Dipartimento di ingegneria Elettrica e dell’Informazione Politecnico di Bari

    Prof. Michele Polo

    Dipartimento di Economia – Università Bocconi

    Ing. Vittorio Trecordi

    DEI Dipartimento Elettronica e Informazione Politecnico di Milano

    Ing. Valerio Zingarelli

    Presidente Telecommunications Studies and Consulting
    Advisor Sindaco di Venezia per le Smart Cities

Analisi Dati

Cyber Security

  • Responsabile
    Franco Guida

Servizi Digitali

Telecomunicazioni

Nucleo di auditing tecnico scientifico

Strategie

Le linee strategiche triennali della Fondazione Ugo Bordoni illustrano le strategie di sviluppo e di innovazione adottate dall’ente per perseguire la propria missione statutaria.

 

Rappresentano le direttrici secondo le quali la Fondazione orienta le proprie attività di ricerca e di consolidamento delle competenze tecnico-scientifiche, con l’obiettivo di stimolare il dibattito pubblico attorno alle tematiche trattate e attrarre collaborazioni in contesti scientifici, istituzionali e d’impresa.

La Fub in un video

Documentazione

Relazioni al parlamento

Statuto

Specialisti ICT

Vedi tutti