Salta al contenuto principale
 
Progetto
Refarming
Concluso
Committenza
Progetto finanziato dagli Operatori su incarico del Ministero dello sviluppo economico
Obiettivi

Verifiche sperimentali finalizzate a:

  1. controllo e monitoraggio della razionalizzazione della banda a 900 MHz;
  2. controllo e monitoraggio della progressiva liberazione di un blocco da 5 MHz;
  3. valutazione della qualità degli utenti GSM in scenari di refarming a 900 o a 1800 MHz.
Impatto

Uso efficiente delle risorse radio attraverso la deframmentazione territoriale della banda a 900 MHz, ricompattando in bande contigue le assegnazioni ai diversi gestori.

Tutela degli utenti (terminali di utente e dispositivi M2M) in grado di operare solamente sul sistema GSM misurando la qualità del servizio prima e dopo l’attivazione di refarming a 900 MHz o a 1800 MHz.

Disponibilità di frequenze pregiate sotto 1 GHz per tutti i gestori e introduzione di utilizzi 3G finalizzati anche alla maggiore diffusione delle connessioni di tipo dati.

Descrizione

Il Progetto si inquadra nell’ambito del Piano di riorganizzazione della banda a 900 MHz, secondo quanto previsto dalla delibera AGCOM n. 541/08/CONS e dal provvedimento del MiSE dell’11 febbraio 2009 che definisce il calendario di attuazione del Piano di riorganizzazione redatto dagli operatori e approvato dall’AGCOM e dallo stesso MiSE.

Con la comunicazione del 31 luglio 2009, il MiSE ha dichiarato di volersi avvalere del supporto tecnico, scientifico, operativo, logistico e di comunicazione di FUB per l’attuazione del Piano. Nell’ottobre 2009, FUB ha quindi istituito un Tavolo Tecnico con compiti di verifica, controllo e di monitoraggio delle fasi previste nel calendario di attuazione. Il Tavolo ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei tre gestori GSM e del MiSE.

La prima fase di attuazione del piano riguarda la razionalizzazione della banda a 900 MHz per eliminare la frammentazione territoriale in termini di allocazione dello spettro e a ricompattare in bande contigue le assegnazioni ai diversi gestori. Per il controllo degli adempimenti di questa fase, FUB ha effettuato  una campagna di misure per verificare che gli operatori GSM (TIM, Vodafone, WIND) operassero solo su canali nelle bande a loro assegnate. Le misure sono state effettuate in alcune città campione.

La seconda fase comprende la progressiva liberazione, su base territoriale, di un blocco di frequenze da 5 MHz, da effettuarsi entro il 31 dicembre 2013. Sono state svolte verifiche sperimentali  sui livelli d’interferenza nelle aree provinciali in cui è stata resa disponibile per l’Operatore nuovo entrante una banda di 5MHz. Sono state inoltre implementate verifiche sulla riorganizzazione finale complessiva dell’intera banda a 900 MHz.

Un’altra parte dell’attività ha riguardato l’individuazione delle metodologie di verifica e controllo da attuarsi in seguito al processo di refarming della banda GSM a 900 MHz e a 1800 MHz. Sono stati valutati parametri di qualità (probabilità di blocco e caduta chiamate) prima e dopo l’attivazione di refarming. Le stime sono state ottenute da dati di rete incrociati con analisi a campione.

Competenze